Nei precedenti articoli si è fatta una carrellata delle etichette che spesso si trovano al supermercato e si è cercato di dare una spiegazione al perchè quelle etichette andrebbero evitate.
Se non si sono letti i precedenti articoli si consiglia di farlo per una migliore comprensione di questo testo. I precedenti articoli li trovate QUI (prima parte) e QUI (seconda parte).

Dopo tante etichette da evitare è giusto anche dare qualche dritta a quali sono gli esempio di prodotti virtuosi, perchè in giro esistono e chi cerca trova!

frollini integrali

In questo caso vediamo farina di frumento integrale 40% + fiocchi di avena al naturale 25% (dico al naturale perchè non c’è una parentesi che mi specifica da cosa sono formati). In totale fa un 65% di cereali integrali e mi va bene. Tutta la farina presente è di tipologia integrale.
Buttando poi un occhio rapido sugli altri alimenti vediamo che c’è zucchero di canna grezzo che è sempre zucchero ma essendo meno raffinato porta con se anche utili oligoelementi, olio di mais che non è certo l’olio di palma tipico e betaglucani che non guastano.
Può considerarsi un dignitoso alimento da colazione.

pasta integrale Esempio di come dovrebbero essere gli ingredienti della nostra pasta.

integrale

Frumento integrale 95%!! Devo aggiungere altro?

Riassumendo i miei consigli sono:

  • Imparare a leggere gli ingredienti e a capire di quali marchi ci si può fidare e di quali no.
  • Provare a ridurre l’utilizzo di prodotti da forno e cercare delle alternative ai biscotti, crackers e fette biscottate che contengono anche tanti zuccheri e oli idrogenati/saturi.
  • Affidarsi ad un negozio biologico di fiducia da cui comprare il pane, tagliarlo a fette, congelarlo e mangiarlo al bisogno (in 5 minuti nel forno col grill è pronto). Tra l’altro in questo modo al pane si abbassa l’indice glicemico. 
  • Insistere con il panettiere, commesso, cameriere o non so chi altro, affinchè vi facciate dire che origine ha la farina utilizzata per preparare il prodotto che vorreste comprare.
  • Comprare farina integrale o semi-integrale in un negozio biologico o macrobiotico oppure da aziende agricole di fiducia e prepararsi biscotti e pane da soli.

Per consigli su marche scrivete a dott.matteogentilini@gmail.com specificando come oggetto “vero o finto integrale?”.

Matteo Gentilini
Biologo nutrizionista

POTREBBE INTERESSARTI

image ” Impariamo a leggere le etichette: vero o finto integrale? -Parte 2 di 3- “

 1,747 total views,  4 views today