Con la bilancia abbiamo tutti un rapporto di amore ed odio, non è vero?
E se vi dicessi che non sempre ci racconta la verità?
L’ analisi della composizione corporea completa l’informazione che ci dà la bilancia, ecco perchè.

Per definire in modo corretto lo stato di forma e nutrizionale di un individuo, la bilancia non è sufficiente perchè il peso è la somma di 3 componenti corporee e cioè l’acqua, la massa muscolare e la massa grassa.
Va da sé che l’obiettivo di una dieta dimagrante dovrebbe essere perdere prevalentemente massa grassa ma non è sempre scontato questo risultato. Ad ogni modo la bilancia non ci permette di capire quale delle 3 componenti, descritte poco fà, siamo andati a modificare.
Per valutare le percentuali di tali “compartimenti corporei”  e la loro evoluzione nel tempo, esiste una metodica veramente attendibile e valida (numerose sono le pubblicazioni scientifiche a supporto): la bioimpedenziometria BIA ).

PRENOTA LA TUA ANALISI DI COMPOSIZIONE CORPOREA

Analisi della composizione corporea

Analisi della composizione corporea

Cos’è la BIA?
Si tratta di una tecnica del tutto indolore che si esegue applicando quattro elettrodi cutanei: una coppia sul dorso della mano e una coppia sul dorso del piede. I cavetti dell’analizzatore sono collegati con pinzette agli elettrodi che iniettano un impulso di corrente alternata a 50 kHz d’intensità, innocua per i tessuti (400 mA).

La BIA sia basa sul principio per cui i tessuti biologici si comportano come conduttori, semiconduttori o isolanti. Le soluzioni elettrolitiche intra ed extracellulari dei tessuti magri sono ottimi conduttori, mentre osso e grasso sono sostanze isolanti, e non vengono attraversati dalle correnti utilizzate.
Valutando quindi la resistenza indotta dai tessuti al passaggio della corrente, calcolata la reattanza, trascritti questi valori in un algoritmo che tiene in considerazione anche il sesso, età, peso ed altezza della persona, è possibile descrivere la composizione corporea del soggetto.
I valori elettrici individuali vengono poi inseriti su un grafico e confrontati con quelli di riferimento della popolazione.

Nutrizionista rimini BIA

I vantaggi:
Attraverso la bioimpedenziometria è possibile:

  • Valutare idratazione corpoea;
  • Stimare % e kg di grasso corporeo;
  • Stimare % e kg di massa muscolare corporea;
  • Capire se la perdita di peso è veramente perdita di massa grassa o solo di liquidi corporei o entrambi;
  • Valutare la quantità di massa muscolare in funzione di una adeguata alimentazione e un’ attività sportiva finalizzata alla tonificazione muscolare;
nutrizionista rimini

Ecco la BIA 101 che utilizzo nel mio studio

Matteo Gentilini
Biologo nutrizionista

2,848 Visite totali, 2 visite odierne